Centro di riproduzione / Blog / Tossicosi durante la gravidanza: cause, pericoli, soluzioni al problema

Tossicosi durante la gravidanza: cause, pericoli, soluzioni al problema

Molte donne percepiscono la tossicosi durante la gravidanza come inevitabile: questa è la reazione del corpo a processi davvero gravi che si verificano nelle prime settimane e mesi di gravidanza. E non resta che attendere pazientemente la fine di questo periodo difficile. Tale installazione non è del tutto corretta, poiché la tossicosi richiede l’attenzione obbligatoria di un medico.

Il primo trimestre di gravidanza è il più importante, è in questo momento che il bambino mette a punto tutti i sistemi e gli organi interni. Pertanto, eventuali problemi di salute della madre non costituiscono una buona base per una “costruzione” così importante. Inoltre, dietro le manifestazioni esterne di tossicosi, nausea e vomito, possono nascondersi problemi più seri, in casi schiaccianti – evidenti, a volte – nascosti, rivelati solo con l’ausilio di test di laboratorio. Questi possono essere, ad esempio, varie lesioni cutanee, convulsioni, nei casi più gravi – ittero in gravidanza, asma bronchiale in gravidanza, disturbi dell’equilibrio salino, del metabolismo, ecc.

Pertanto, è necessario un attento monitoraggio da parte del medico delle condizioni della futura mamma, che sta vivendo tossicosi nel primo trimestre di gravidanza. Questa è la regola più importante, da non trascurare in ogni caso.

Perché la tossicosi si verifica nel primo trimestre?

Non esiste un’ipotesi unica e assolutamente provata sulle cause della tossicosi. Alcuni credono che la tossicosi precoce sia una reazione del sistema immunitario. Alcuni pensano che sia causato da ormoni, vale a dire da un aumento del contenuto dell’ormone hCG nel sangue. Allo stesso tempo, tutte le cause della tossicosi nelle prime fasi della gravidanza sono dovute a cause naturali che sono naturali per la posizione di una donna. Perché allora alcune donne soffrono di tossicosi e altre no? Tutto è spiegato dallo stato di salute generale: in presenza di malattie croniche del tratto gastrointestinale, del fegato, della tiroide, dopo aborti artificiali e sullo sfondo di cattive abitudini, è più probabile l’insorgenza di tossicosi.

Come affrontare la tossicosi?

In caso di tossicosi, il medico che osserva la gravidanza darà un rinvio per un’analisi delle urine, in base alla quale sarà possibile determinare la gravità della tossicosi e della disidratazione del corpo, esami del sangue biochimici e generali. A seconda dei risultati del test e del grado di tossicosi (grado lieve – vomito non più di 5 volte al giorno, grave – 10-20 volte al giorno), il medico consiglierà il ricovero in ospedale o il rispetto di regole speciali a casa.

Come può essere utile il trattamento ospedaliero?

Potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale, poiché con vomito frequente può verificarsi disidratazione, il metabolismo può essere disturbato, si può verificare una diminuzione della pressione sanguigna, un aumento della frequenza cardiaca, una diminuzione della produzione di urina e costipazione. Se le misure non vengono prese in tempo, può svilupparsi una violazione del metabolismo del sale marino, delle proteine, dei carboidrati e dei grassi, dell’equilibrio acido-base e vitaminico e delle funzioni delle ghiandole endocrine. Tutto ciò può influenzare negativamente lo sviluppo del bambino.

Quale trattamento è raccomandato per la tossicosi lieve?

Una forma lieve di tossicosi (vomito non più di 5 volte al giorno) può essere controllata utilizzando metodi semplici:

1. La dieta è un fattore molto importante. Evita cibi troppo caldi o freddi: questo provoca un attacco di vomito. Mangia spesso, almeno 5-6 volte al giorno, ma in piccole porzioni. Fidati del tuo intuito: se ritieni che sottaceti o frutti esotici siano ciò di cui hai bisogno, concediti questo. Ma ricorda che la tua dieta durante il periodo di tossicosi dovrebbe essere equilibrata e il menu dovrebbe essere completo in termini di proteine, grassi e carboidrati.

2. Segui il regime del consumo di alcol. Molte donne che soffrono di tossicosi amano bere il tè alla menta durante questo periodo: non solo disseta, ma calma anche.

3. Colazione: a letto. Se il vomito si verifica solitamente al mattino, fare colazione a letto senza alzarsi. Tè al limone, alcuni cracker aiuteranno ad evitare un attacco di nausea.

4. Evita il superlavoro, sia fisico che nervoso. A volte gli attacchi di nausea provocano affaticamento: ciò accade più spesso nel pomeriggio. La tensione nervosa aiuterà ad alleviare il tè rilassante. Puoi anche, dopo aver consultato il tuo medico, prendere l’erba madre o la valeriana.

La tossicosi precoce di solito scompare completamente intorno alla 12a settimana di gravidanza, meno spesso può durare fino alla 16a settimana. Sii paziente e sii estremamente attento alle sfumature del tuo benessere: questo è molto importante non solo per la tua salute, ma anche per la salute del tuo bambino.

Заказать звонок

Ordinare una chiamata

Richiedi il listino prezzi